Sostituzione serramenti con il bonus infissi: quello che devi sapere

infissi-pvc

Il mondo dell’edilizia è in forte subbuglio ed è forse uno di quei settori che non ha subito l’arresto grazie alle numerose  iniziative di bonus e sconti che lo stato ha previsto con la legge di bilancio; dopo il successo degli anni precedenti le persone che continuano a cercare di ristrutturare rendendo le proprie abitazioni più green ed efficienti sono numerose: la sostituzione dei serramenti con il bonus infissi è un’ottima scelta. Ma quali scegliere? E cosa devi sapere? Ti sveliamo tutto.

Perché scegliere serramenti in PVC

La riqualificazione delle vecchie case per renderle più moderne e soprattutto efficienti a livello energetico passa proprio dalla sostituzione di porte e finestre; gli infissi e i serramenti datati possono non garantire più l’isolamento termico favorendo una dispersione di calore in inverno e di aria fresca in estate. Questo si trasforma in maggiore inquinamento ma anche in bollette decisamente più salate. Gli infissi in PVC sono tra le scelte migliori poiché il materiale è estremamente versatile e resistente ma soprattutto durevole nel tempo; tra le proprietà migliori? Sicuramente la capacità di isolare termicamente, garantendo quindi una buona tenuta delle temperature ma anche l’isolamento sonoro.

I vantaggi dei serramenti in PVC:

  • Isolamento. Devi sapere che i serramenti in PVC sono in grado di garantire isolamento sia termico che acustico ma anche una buona impermeabilità.
  • Prezzo. Sono tra le scelte più economiche su mercato ma allo stesso tempo di grande impatto estetico.
  • Design. Sono molto versatili, si prestano a diversi stili e sono personalizzabili.
  • Durevoli nel tempo. Non solo sono studiati per durare nel tempo ma necessitano anche una minima manutenzione rispetto ad altri materiali come il legno ad esempio.
  • Ignifughi. Rispetto ad altri materiali, il PVC risulta ignifugo, è quindi capace di resistere al fuoco.

Bonus Infissi 2022: come funziona e cosa sapere

Gli incentivi fiscali conosciuti come Ecobonus o Bonus Ristrutturazioni possono comprendere anche la sostituzione delle finestre; è importante però che questo passaggio vada a migliorare le condizioni di sostenibilità ed efficienza energetica dell’immobile. Per il 2022 è stato confermato l’ecobonus con detrazione fiscale al 50% per quanto riguarda gli infissi; scegliendo la modalità sconto in fattura potrai avere diritto da subito al momento dell’acquisto allo sconto senza dover attendere la lenta detrazione ripartita su più anni.

Per poter richiedere questo bonus è importante apportare miglioramenti delle prestazioni energetiche, scegliendo quindi infissi in grado di garantire isolamento termico come i modelli in PVC di cui ti stiamo parlando e sono coinvolti non solo porte e finestre ma anche persiane e tende da sole, ma anche tapparelle ed avvolgibili se orientate a Nord. È stato anche fissato un tetto di 60.000 euro per ogni unità immobiliare, questo significa che potrai avere una detrazione fiscale del 50% su un massimo di 60k.

I requisiti sono abbastanza chiari ma serrati: è importante andare a migliorar e l’efficienza energetica, l’intervento deve apportare una modifica o sostituzione di infissi già presenti (questo significa che non può essere utilizzato per una nuova installazione).

A chi rivolgersi per la sostituzione infissi con bonus

Se vuoi usufruire di questo sconto ma non sai come fare quello che vogliamo suggerirti è di rivolgerti a rivenditori preparati ed esperti che potranno guidarti anche in questa delicata fase burocratica, occupandosi personalmente della procedura; Torretta Group propone in vendita infissi in alluminio, PVC, legno e ferro per portare una riqualificazione energetica in grado di far risparmiare fino al 65%. Tra le tante proposte ti consigliamo proprio il PVC che non solo garantisce isolamento ma è anche un materiale 100% eco-compatibile e non pericoloso né per le persone né per l’ambiente.