Rinnova il bagno con gli incentivi e i bonus per la ristrutturazione

rinnovo-bagno-bonus

Negli ultimi anni, a causa di smart working e soluzioni come la DAD, abbiamo vissuto molto di più la nostra casa. Ecco quindi che alcune problematiche che prima non venivano evidenziate sono saltate fuori grazie proprio all’utilizzo più frequente; c’è addirittura chi ha deciso di cambiare casa e acquistarne una con più spazio all’aperto, magari due bagni e una stanza in più per creare un piccolo angolo di lavoro. Ad incentivare queste scelte non solo un tasso per mutui davvero vantaggioso ma anche una serie di bonus ed incentivi legati all’acquisto di nuovi mobili e alla ristrutturazione.

Come sfruttare il bonus mobili per rinnovare il tuo bagno

Se hai acquistato una nuova casa e desideri ristrutturare il bagno o se desideri migliorare quello che hai attualmente nella tua casa devi sapere che la Legge di Bilancio 2022 ha confermato il bonus mobili e lo ha prorogato fino al 2024. Dato il successo di tutte queste iniziative, il Governo non si è limitato a confermare e prorogare ma ha anche raddoppiato il tetto di spesa facendo in modo di agevolare questa tipologia di interventi. Attualmente infatti la soglia è di 10.000 euro.

Come funziona? Puoi applicare il nuovo bonus per la ristrutturazione anche se i lavori di ristrutturazioni sono iniziati dopo il primo gennaio 2021 ma il bonus nuovo copre solamente le spese relative al 2022. Il bonus mobili ed elettrodomestici per il 2022 ti offre una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe A+ o superiore. Fondamentale è che questi oggetti d’arredamento vengano utilizzati per un immobile in ristrutturazione. La detrazione sarà quindi del 50% su un importo massimo di 10.000 euro.

Si può ottenere il bonus mobili anche senza ristrutturazione?

Tecnicamente il bonus mobili è strettamente collegato ad interventi di ristrutturazione ma in caso di alcuni interventi minori è comunque possibile detrarre delle spese e ottenere uno sconto. Cosa significa? Non è necessario ristrutturare tutto l’appartamento, può essere sufficiente realizzare alcuni lavori specifici per avere diritto a questi sconti convenienti. Per avere diritto al bonus mobili è possibile ad esempio fare manutenzione straordinaria come installare ascensori, servizi igienici, sostituire una caldaia o gli infissi e potrai comunque avere diritto a questo sconto.

Ristrutturare il bagno con il bonus

Dopo aver fatto piccoli interventi di ristrutturazione, come ad esempio sostituire la caldaia con una più efficiente oppure sostituire gli infissi, puoi rivolgerti a chi si occupa di arredo bagno per capire come procedere ad ottenere il tuo bonus e rinnovare quindi il tuo bagno. 10.000 euro sono un buon tetto per rifare un ambiente piccolo ma funzionale come quello del bagno: come puoi fare? Studia con attenzione lo spazio, per ridurre i costi non togliere il vecchio pavimento ma applica le nuove piastrelle su quello già esistente. Ti basterà poi livellare l’ingresso e modellare la porta per ottenere un buon risultato finale. Importantissimo: sostituisci i sanitari, cerca di prediligere una doccia, così da poter ottimizzare la quantità di acqua ma magari opta, se hai un bagno sufficientemente grande, anche per una piccola vasca da bagno per un momento di relax. Gioca poi con rubinetteria ed accessori per personalizzarlo secondo i tuoi gusti.

Dove acquistare mobili per rinnovare il tuo bagno

Se stai cercando un punto di riferimento che possa seguirti non solo per la vendita ma anche per la progettazione abbiamo un e-commerce da suggerirti. Meinardi Shop Arredo Bagno si occupa di soluzioni per l’arredo bagno offrendo anche un servizio di consulenza così da creare un progetto ad hoc in base alle singole esigenze. Nonostante si tratti di uno shop online è possibile mettersi in contatto con il servizio clienti attraverso email, chat ma anche telefono così da trovare suggerimenti e soluzioni in base alle singole esigenze.