Pozzetti in cemento: le tipologie e gli utilizzi

pozzetti-cemento

Il mondo dell’edilizia è fatto di tante piccole nicchie che si sono specializzate così da produrre un determinato prodotto a livelli di qualità molto alti, è il caso della Edilbloc snc che da 60 anni si occupa di produrre e vendere manufatti in cemento; tra i prodotti di punta troviamo i pozzetti in cemento che dal 1962 producono con orgoglio e maestria. La loro esperienza gli ha permesso di crescere arrivando ad avere uno spazio di lavoro che comprende due capannoni da 1500 MQ per produrre i manufatti in cemento.

Cosa sono i pozzetti in cemento: le caratteristiche

Con pozzetti in cemento andiamo ad identificare le strutture in calcestruzzo vibrato, armato, a tenuta d’acqua per collegare condotte o modificarne la direzione. L’idea è quella di creare dei varchi per poter far accedere il personale o le apparecchiature di ispezione ma anche di consentire la ventilazione. A poter accedere a tombini e pozzetti sono solamente gli operatori esperti di manutenzione stradale ma anche portuale o di reti fognarie. Per poter accedere è necessario aprire quello che viene chiamato “chiusino”. Se il pozzetto è la vera e propria cavità, il tombino è invece il cunicolo che permette lo scorrimento. Terzo elemento che lo va a comporre nella sua interezza è il chiusino che comunemente chiamiamo tombino sbagliando, si tratta della “grata” superficiale che permette l’accesso.

Raccordi ideali per diverse tipologie di impianto, vengono prodotti sia per impianti idrici o fognari sia per impianti elettrici e telefonici. Il design è davvero vario: le forme infatti possono cambiare a seconda delle esigenze e degli utilizzi ma in linea di massima si parla di modelli a sezione quadrata o rettangolare, in alcuni casi cilindrica. I pozzetti vengono poi accompagnati da accessori come paratie e prolunghe così da adeguare il tutto all’esigenza finale.

Possono differire non solo per forma ma anche per misura anche se quella più comune è da 50 x 50 cm, possiamo dire che in commercio in alcuni ambiti ne esistono anche da 200  x 200 cm. A diversificare non sono solo i perimetri ma anche gli spessori delle pareti che possono avere misure differenti a seconda della funzione che dovranno svolgere.

A cosa servono i pozzetti

Per cosa vengono utilizzati? I loro scopi sono diversi in ambito edile:

  • Raccordo. Possono essere utilizzati per creare collegamenti tra tubature, riuscendo a creare una rete anche tra diverse direzioni e livelli.
  • Snodo. Possono fare in modo che una tubatura in uscita si divida sdoppiandosi o triplicandosi.
  • Ispezione e manutenzione. Grazie alla possibilità di far passare macchinari appositi o operai stessi, possono aiutare a garantire lo spurgo ma anche l’intervento in caso di necessità.
  • Sifonatura. Soprattutto in ambito residenziale, vengono utilizzati per evitare che le fogne possano risalire nelle abitazioni.

 Edilbloc, azienda specializzata nella produzione di pozzetti

Tra i punti di riferimento per il settore troviamo Edilbloc snc; l’attività dal 1962 è diventata un punto di riferimento. La storia dell’azienda mostra come fin dall’inizio siano stati interessati al settore dei manufatti in cemento, andando a costruire blocchi da utilizzare nel mondo edile ed urbanistico sia civile che industriale. L’attività non ha mai smesso di crescere e così negli anni ’80 si espande facendo in modo che ci sia un vero e proprio ampliamento. I celebri pozzetti e le prolunghe fognarie sono invece una novità degli anni ’90; Edilbloc snc evolve proprio in questo decennio rispondendo alle esigenze dei clienti e offrendo prodotti tecnologicamente all’avanguardia. Edilbloc, con i suoi sessant’anni di esperienza è diventata un punto di riferimento per il settore delle opere in cemento e si distingue proprio per la produzione di pozzetti in calcestruzzo vibrato, armato o a tenuta d’acqua.