Come diventare stilista senza scuola

Come diventare stilista senza scuola

Sei cresciuto con la passione per “Gira la Moda”? Il gioco anni ’80 che ha fatto impazzire diverse generazioni ha dato il via alla carriera fashion per moltissimi; ma anche una volta che questo divertente passatempo non è stato più trendy la passione per le passerelle per molti è continuata grazie ad altri giochi. Sembra essere un talento che inizia fin dalla più tenera età e sicuramente chi riesce a vivere circondato da sarti o da appassionati di moda ha più possibilità di sviluppare occhio, attenzione e talento.

L’Italia è una nazione in cui l’arte è sempre stata protagonista e il settore fashion stesso ne fa parte; la settimana della moda e le firme più prestigiose altro non portano in passerella che vere e proprie opere d’arte per lanciare un messaggio. Non è un caso che molti giovani si stiano chiedendo quindi: come faccio ad entrare in quel mondo? In questo articolo ti sveliamo come diventare stilista senza scuola.

Vero che in Italia ogni anno vengono sfornati talenti formati nelle più prestigiose scuole di designer ma non tutti riescono a seguire questa formazione; il risvolto della medaglia è anche notare quanti brand emergenti alla fine non arrivino mai a vedere il proprio sogno realizzato: sono tanti i giovani stilisti indipendenti che alla fine abbandonano il loro sogno, notando sempre più quanto il fast fashion stia prendendo piede. Qualcosa però sta cambiando, la qualità e scegliere meno capi ma studiati nel dettaglio sta diventando il desiderio di molti ed ecco che entri in gioco tu. Sei un giovane talento della moda e desideri metterti in gioco? Abbiamo la soluzione.

Diventare stilista anche senza scuola: come fare

Se sei uno stilista o un creativo e desideri veder realizzata finalmente la tua collezione moda c’è una soluzione: beadesigner.it è il portale del primo ufficio stile indipendente che si affianca a designer (emergenti e non) che desiderano sviluppare le proprie collezioni all’interno di un percorso di auto imprenditoria. Stanco delle porte in faccia? Pensi che i tuoi bozzetti abbiano un potenziale? Investi su te stesso.

L’azienda che ti abbiamo consigliato è preziosa poiché si affianca a te con un percorso completo e personalizzato che ti aiuterà a superare tutte le fasi, dall’ideazione alla produzione ma anche la vendita e la promozione che sono assolutamente essenziali. Il servizio, pensato ad hoc sul designer, è coordinato da un team multidisciplinare che ti aiuta sia sugli aspetti tecnici che creativi, aiutandoti ad arrivare sul mercato come un vero imprenditore.

 Il fashion italiano: un business da oltre 83 miliardi

Gli ultimi dati aggiornati sono quelli del 2021 chiaramente, tenendo conto che tra l’altro arriviamo da un biennio di difficoltà, lockdown e settimane della moda cancellate parliamo di un record importante. Oltre 83 miliardi di fatturato sono stati riscontrati nel 2021 per l’industria fashion; questo quanto dichiarato da Camera Nazionale della Moda Italiana. L’inversione di rotta, dopo la perdita del 2020, è stata data sicuramente dall’impegno del settore ma anche dalla voglia delle persone di tornare a vivere. È questo quindi un ottimo momento per mettersi in gioco ed entrare nel mondo fashion con qualcosa di nuovo: le persone hanno voglia di qualità ma anche di qualcosa di originale, fuori dagli schemi e che li faccia sentire ancora parte di una nazione simbolo per il mondo dell’eleganza e dello stile.

C’è differenza tra stilista e fashion designer?

Spesso i due termini professionali vengono utilizzati come sinonimi ma siamo sicuri sia la scelta migliore? Chi lavora nel settore sa che si tratta di due ruoli ben distinti. Il fashion designer si occupa di idealizzare, studiare ciò che sta dietro ad un capo elaborando bozzetti, colori e progetti. Lo stilista è colui che crea stili e che passano poi nelle mani dei designer. Possiamo dire che in alcuni casi i designer possono essere stilisti ma quasi mai le due figure si sovrappongono.