come-trattare-acne

Tra le patologie della pelle, una delle più diffuse è indubbiamente l’acne. Ma cos’è? Come si manifesta e cosa fare? C’è un modo per prevenirla? Quali sono le possibili cause? Vogliamo illustrare una guida con tutto ciò che c’è da sapere sull’acne, dando anche un suggerimento in merito: BrufoCare sito ufficiale, e su lechicchedelweb.it è possibile approfondire tutto sul prodotto. Parliamo di acne: questa patologia colpisce infatti follicoli piliferi e ghiandole sebacee, e si manifesta principalmente negli adolescenti. Ma non solo: anche gli adulti possono soffrirne. Scopriamo perché.

Cos’è l’acne?

Capita a tutti di vedere almeno una volta nella vita un brufolo o foruncolo sulla pelle. In particolar modo si manifesta durante l’età adolescenziale – e in tal caso si chiama acne giovanile – in quanto la pubertà mette il corpo a dura prova con i primi scompensi ormonali. Tuttavia, l’acne si può manifestare anche in età adulta, in particolar modo intorno ai 20/30 anni. Possiamo definire questa condizione come un eccessivo funzionamento delle ghiandole sebacee. Una volta prodotto il sebo in eccesso – una sostanza grassa che in quantità minori è determinante per la salute della pelle – ecco che si ostruiscono i foruncoli. Da qui la nascita dei cosiddetti comedoni o punti neri.

Invitiamo, però, a prestare la massima attenzione, e per un motivo: l’acne è una condizione che permette una proliferazione maggiore dei batteri. Nel momento in cui la situazione va fuori controllo, possono dare origine a pustole o papule.

I sintomi dell’acne

Prima di tutto, i sintomi dell’acne sono molto diversi, e possono variare in base alla gravità. Il grado di gravità è tendenzialmente suddiviso in lieve, moderato o severo. Poniamo il caso dei punti neri o comedoni: sono formati solo dal sebo. Ma può anche capitare di osservare papule, pustole, noduli o cisti. Quest’ultime possono essere dolorose e piene di pus, e naturalmente capita che lascino delle cicatrici.

Quali sono le cause dell’acne?

Abbiamo già anticipato che l’acne è un problema solitamente legato all’età, in particolare perché ad avere un ruolo importante nella manifestazione è un’eventuale alterazione ormonale, che si verifica spesso durante l’adolescenza, oppure in gravidanza, o nelle diverse fasi del ciclo. Tuttavia, ci sono dei fattori che, sebbene non la provochino in sé, possono decisamente peggiorare la condizione.

Al primo posto troviamo lo stress, che è uno dei problemi della nostra epoca: siamo tutti enormemente stressati, e il nostro organismo ne risente. Anche l’inquinamento può far peggiorare l’acne, così come l’uso di alcuni farmaci, tra cui l’acido folico, o ancora il sole. Ebbene, sì: il sole ha un effetto benefico sui comedoni in prima battuta, ma sovente può crearsi il cosiddetto effetto boomerang, ovvero potremmo notare un aumento dei punti neri. Per le donne, poi, l’acne potrebbe essere legata all’uso di determinati prodotti cosmetici, e più in generale l’acne è causata da un batterio, il Propionibacterium acnes.

Cosa usare per trattare l’acne?

Cosa possiamo fare contro l’acne e i brufoli? C’è un trattamento che possiamo seguire per migliorare l’aspetto della pelle? Sì, una soluzione c’è, ed è la crema BrufoCare, i cui benefici sono molteplici. Studiata per ben 5 anni in laboratorio, questo prodotto combatte brufoli e punti neri sin dalla primissima applicazione. Perché? Il segreto è nella formulazione, poiché è stata realizzata con ingredienti naturali, e presenta un’azione multifunzionale nel trattamento dell’acne e delle imperfezioni cutanee.

Quali sono gli ingredienti al suo interno? Come riporta il sito lechicchedelweb.it, gli ingredienti sono Vitamina A, Vitamina B3, Acido Azelaico, Acido Salicilico e Caolino. Ogni ingrediente presenta un’azione ben precisa. Per esempio, nel caso della Vitamina A sappiamo che protegge la pelle dagli agenti esterni dannosi (infatti tra le cause dell’acne troviamo l’inquinamento). Poi, la vitamina B3 invece ha un’azione sebo-normalizzante, e aiuta la pelle a mantenersi molto più idratata. Il prodotto, quindi, è utile per ridurre la crescita dei batteri e funge da esfoliante, funziona sin dalla prima applicazione ed è super facile da usare: basta massaggiarlo sul viso.