importanza-sonno

Dormire bene… fa bene. Ma questo aspetto non è così scontato, e tendiamo a sottovalutarlo. Prima di tutto, parliamo di un meccanismo naturale: abbiamo bisogno di riposare. Tuttavia, il riposo è anche soggetto a numerosi fattori, tra cui organici, ambientali e psicologici. Facciamo un esempio: quando siamo stressati, non riusciamo a dormire quanto e come vorremmo. Ma il sonno rimane indispensabile per il suo impatto sul fisico e sulla psiche, in quanto, mentre dormiamo, i ritmi biologici rallentano, e recuperiamo le energie, rielaboriamo le esperienze. Il cervello “riduce” le attività complesse. Un po’ come un computer in standby.

Ecco, c’è anche un modo per comprendere l’importanza del sonno: l’esame del sonno detto polisonnografia consente di analizzare il proprio sonno, diagnosticando eventuali criticità da risolvere. Su sonnocare.it, è possibile approfondirlo, così da comprendere come migliorare il proprio sonno.

Perché dormiamo?

Tra le attività più complesse del nostro organismo c’è sicuramente quella del riposo. Diamo spesso per scontato il nostro sonno, ma una sua privazione ci conduce a uno stile di vita con evidenti disturbi. Perché? Riprendendo le parole di Robert Stickgold, professore di psichiatria di Harvard, il sonno è determinante per molti motivi: aiuta a rinforzare la memoria, a rielaborare le informazioni, a dimenticare le informazioni che non ci servono. E molto altro. Perché il sonno non aiuta semplicemente a riposarsi, ma anche a combattere al meglio lo stress e a elaborare tutte le informazioni con cui veniamo in contatto giornalmente.

Il corpo umano, quindi, ha bisogno di dormire, in quanto il sonno è di fatto un processo biologico essenziale. La panoramica dei vantaggi del sonno per il fisico e la psiche sono diversi: ne abbiamo accennati alcuni, ma consideriamo anche che durante il sonno molti ormoni vengono rilasciati e regolati, tra cui quello dello stress; o ancora si mantiene in equilibrio il metabolismo; si conservano le energie, preservando la salute mentale.

Cosa succede quando non dormiamo?

In media, sappiamo che un adulto dovrebbe dormire almeno 7 ore a notte. Le ore di riposo, infatti, non sono simili per ciascun individuo, e dipendono spesso da innumerevoli variabili. Citiamo, infatti, età, stile di vita, genetica, abitudini. Ma è fondamentale ricordare che non sono solo le ore a determinare un buon sonno, bensì anche la sua qualità. Non dovrebbero avvenire delle interruzioni, dovremmo riposare al buio, in una posizione ovviamente comoda (quante volte ci svegliamo con il mal di testa per esserci addormentati in posizioni scomode?).

Quello che accade quando non dormiamo bene, però, è piuttosto impattante sulla nostra vita. Parliamo di scarsa concentrazione, di sonnolenza, di spossatezza, di aumento dell’appetito o inappetenza (dipende dalla persona), e ovviamente cattivo umore e un aumento dei livelli di stress. Una sintomatologia che, se accumulata sul lungo periodo, può purtroppo condurre a ulteriori problematiche, con l’insorgenza di gravi disturbi. Gli effetti della privazione del sonno non andrebbero mai sottovalutati e andrebbero affrontati con uno specialista.

Le cause dell’insonnia

Tra i disturbi del sonno maggiormente diagnosticati c’è sicuramente l’insonnia, che colpisce in media 13,4 milioni di italiani stando agli ultimi dati condivisi dall’Aims – l’Associazione italiana medicina del sonno. Una cifra che è aumentata negli ultimi anni, dopo la Pandemia di Covid-19: soprattutto, a essere colpite sono le donne, ma anche bambini e ragazzi faticano a riposare bene. Un numero che di fatto è spropositato: avere difficoltà a dormire, infatti, è un problema, in quanto ci si alza già stanchi al mattino e non si rende bene in alcun modo.

Le cause dell’insonnia sono diverse: disturbi psichiatrici, malattie internistiche, stress lavorativo, condizioni familiari complesse. Naturalmente, la diagnosi dell’insonnia è clinica. Se si sospettano apnee notturne o sindrome delle gambe senza riposo, è bene a questo punto sottoporsi all’esame di polisonnografia. Ed è molto importante affrontare un percorso diagnostico, ma soprattutto chiedere supporto ai professionisti del settore, così da migliorare la propria igiene del sonno. Un primo passo concreto verso la possibilità di riposare bene e di stare bene.